giovedì 14 gennaio 2010

RISTORANTI ROMANI / MONTEVERDE NUOVO
Antica Schiacciata Romana



via Folco Portinari 38 (Monteverde Nuovo) tel 06-536112. Chiuso domenica
La mappa

Una pizzeria, anzi una schiacciateria, di tutto rispetto, a Monteverde Nuovo, fuori dagli schemi e fuori dai tradizionali circuiti turistici. Per arrivare all'Antica Schiacciata Romana, si percorre la circonvallazione Gianicolense, si va a sinistra per via Ramazzini e poi costeggiando l'orrido Momo, si sbuca in un'anomina viuzza, via Portinari, nella quale campeggia, sui muri del ristorante Corno d'Africa, l'appassionata dichiarazione etnica d'amore: "Ti amo 'na cifra".
Per schiacciata si intende un'antica pizza dotata di alta digeribilità, basso contenuto calorico e zero grassi animali. L'ideale per chi la sera vuole godersi una pizza senza trovarsi un mammuth indigeribile a turbare le rêveries notturne. La schiacciata ha una tradizione bimillenaria: inventata dagli antichi romani, fu fatta prima con il miglio, poi con orzo e avena, poi con farro e con il frumento. Senza farla troppo lunga, oggi abbiamo questa sorta di pizza bislunga e non croccante, di dimensioni limitate, con un impasto maturato, e non lievitato, per 48 ore.
Teoria a parte, la schiacciata è buona, anzi ottima (infinitamente migliore della pinsa di Pinsa e buoi, a San Lorenzo, pollice verso, versissimo). Tra gli altri piatti ci sono vari "sfizi" (orrida parola che gronda olio, falsa simpatia e furbizia, ma passiamo oltre), crocchette di ricotta e spinaci, salsiccette di cinghiale, lampascioni, soppressata, bufala campana, affettati, zola, lonzino del Brenta, coppa di cinghiale, salame di capriolo. Naturalmente la schiacciata ha numerose varianti, con o senza mozzarella, con o senza pomodori e numerosi ingredienti (bufala, gorgonzola, speck). Da bere c'è la mai abbastanza lodata Menabrea, birra artigianale di Biella un tempo molto esclusiva ora molto meno (nelle tre versioni chiara, ambrata e doppio malto). Per finire, dolci, non indimenticabili.

IL CONTO Una schiacciata costa dagli 8 ai 10 euro. Considerandone una alla bufala (9 euro), una birra piccola (3,5) e un caffè Illy (1,5) si spendono 14 euro. Per chi volesse largheggiare, l'antipasto costa 7 euro e i dolci 4

BONUS Prezzi più che onesti, niente coperto e servizio, ambiente ampio con tre sale luminose (ma tavoli troppo vicini e un po' di sovraffollamento nei fine settimana), grande gentilezza dei camerieri, gentile offerta di bollicine iniziali (un po’ incongrue, rispetto al menu, ma un’offerta non si rifiuta mai)

MALUS la zona non proprio vitale, per chi amasse le folle. Il parcheggio, inesistente (ma potete parcheggiare in doppia fila e segnalarlo ai titolari...).

VOTI
Cucina: 7
Servizio: 7
Ambiente: 6,5
Prezzi: 7

2 commenti:

  1. E io che gli amanti del mangiar bene fossero anche persone civili. Segnalo sommessamente che la doppia fila è una delle cause per cui Roma è di gran lunga la più degradata città occidentale. Oltre che con-causa di morte per 300 persone l'anno e di ferimento (sovente grave) per altre 20mila.

    Se in una zona non ci sono i posteggi (è sempre falso, qualche posteggio magari privato c'è sempre, ehhhhh ma poi tocca sborsà 4 euri...) ci si va in taxi, in motorino, coi mezzi pubblici, non si fanno gravi infrazioni al codice della strada.Non si mette a rischio la vita di chi transita per mangiarsi una schiacciata.

    Perché poi quando schiacciata ci rimane una persona, passa l'appetito...

    RispondiElimina
  2. perdinci, mi pare un po' sproporzionato questo affondo polemico, per quanto ben documentato. facevo riferimento, con evidente intento ironico, a un cartello appeso dai titolari che invita i clienti a segnalare il caso in cui abbiano lasciato la macchina in doppia fila. Iniziativa discutibile, non c'è dubbio. Si tratta comunque di una via per nulla trafficata dove la macchina in seconda fila di sera non dà fastidio a nessuno, tranne al parcheggiato in prima fila, e tantomeno è potenzialmente in grado di produrre lo schiacciamento di chicchessia. Il che non vuol dire che sia una bella idea lasciarcela, anzi. Detto questo una bella vespetta, parcheggiata come si deve, non vi farà perdere tempo né vi farà passare l'appetito...

    RispondiElimina