lunedì 9 novembre 2009

RICETTE / DIVERTISSEMENT (se divertimo)

Tempo di puntarelle! (nun ve scordate l’ajo)



Riceviamo da un improbabile anonimo laziale (originario, pare, della commissariata Fondi) e volentieri pubblichiamo
"Turna u friscu e cun issu ‘e puntarelle. Cumm’ deceva Galeno inder secondo secolo dopo Cristo (con la C maiuscula a fa’ ‘n dispetto a le coorti europee) - nin siat’ignorant che Galeno lo conoscuno tutto - cumm’ deceva Galeno, isse so’ bbone ebbrave. U testu che vie’ mo’ è ‘na citaziune letterale: "’a pundarella è amica dellu fecatu e non nemica dellu stommaco".
Siccumm’ dall’ortu de casa mia me song’accortu che tutti sti stragneri che stanno a invade er Lazzio dalle padanie leghiste nun sanno ‘e cose ‘mburtandi del suddettu Lazzio, mo ve le vojo spiegà io. Noialtri le chiamamu puntarelle (pron. pundarell’) ma isse song i fogli inderni, i germogli, della catalogna spinata. Isse vengono accattate (nei comuni del basso lazio, Formia, Gaeta e Fondi, ‘nsumma giusto a casa mia), tagliate e sfilettate poi vengono induzzate dentro a una ciotola piena di acqua fridda e ghiaccio. Isse a stu modo se arricceno sinno sarebbero liscie liscie come i capelli de le more. Poi, ‘na vorta aricciate, se magneno. Crude, coll’acciughetta e, soprattutto, coll’ajo. Sant’iddio, nunve scordate l’ajo.
Siccume numme fido, ve vojo da’ puro a riscetta de nonna.
Ve serve: un gespo de pundarell’, 3 acciughe belle salate, 1 spicchio d’ajo (sant’iddio nunve scordate l’ajo) nu bicchiere de ojo de oliva extrabbono, un po’ de aceto de vino, u sale e u pepe.
Pijate e pundarell’ e mettetele nella nzalatiera. Poi ner mortaio pistate le acciughe e l’ajo. Mettete l’ojo, l’aceto, il sale e il pepe e versate tutto sulle pundarell’. Servite subbito. Se l’odore dell’ajo è troppo forte fatelo magna’ anghe alle vostre amiche così nun se ne accorge nisuno".

2 commenti:

  1. scopro solo oggi questo splendido blog con il quale mi trovo proprio in sintonia! complimenti e a rileggerti! :)

    RispondiElimina