mercoledì 15 aprile 2009

Le tre zucche

Via Mengarini 43 (Portuense). Tel 065560758. Chiuso domenica. http://www.letrezucche.it/
UPDATE 13 ottobre 2009
La mappa
Odiare via Portuense per un milanese è piuttosto semplice. Una strada che è l'emblema dell'incomprensione Nord-Sud. Tortuosa e indecifrabile, pronta a biforcarsi, a tuffarsi sotto ponti e morire in anse erbose, risulta totalmente indigesta alla razionalità meneghina. Nulla a che vedere con le perfettamente circolari circonvalle, con le rettilinee viale Buenos Aires e corso di Porta Romana. Così, perdersi prima di raggiungere la maledetta via Mengarini, traversa della stramaledetta via Portuense, è quasi sicuro. Ma una volta arrivati, bastano pochi minuti per riconciliarsi con la romanità. Via Mengarini è un'oasi di pace, a pochi passi da una piazzetta con tanto di panchine di marmo che fanno molto paesino.
Qui, un gruppuscolo di tre giovani intraprendenti (Fabrizio, Federico e Massimiliano) ha messo in piedi questo piccolo miracolo della ristorazione. Un ristorante ordinato, bello e anche simpatico. Cucina poco tradizionale e molto creativa, che non sfiora mai l'evanescenza di molti ristoranti innamorati di spume e spumine. Qui si mangia bene, serviti da camerieri preparati e gentili. Tra i piatti proposti dallo chef Fabrizio Sepe ci sono vermicelli "Cav. Giuseppe Cocco" saltati con filetti di alici, finocchietto selvatico e bottarga (10 euro); tagliata di manzo nazionale su rucola e sale alle erbe aromatiche (15 euro); trancio di ricciola su stufato di fave, cipollotti e lattuga romana (18 euro); parmigiana di melanzane e pesce spatola con mozzarella di bufala (16 euro); tre versioni di baccalà (in pastella, alla romana e con finocchietto e olive, 16 euro); tortino di cioccolato fondente "Amedei" con gelatina di arance (7 euro).
C'è anche un apprezzabilissimo menu degustazione: comprende involtini di melanzane con orzo perlato biologico, ceci e verdurine con maionese vegana; arancini di riso con ragù di carni aromatiche su cacio e pepe; tortelloni farciti di pecorino di Pienza con favette e guanciale; parmigiana di melanzana e pesce spatola; crema cotta alla vaniglia con fragole marinate all'aceto balsamico tradizionale di Modena 12 anni. Mica poco, considerando che costa solo 33 euro.
Bonus: il piccolo dehors estivo, i prezzi moderati rispetto alla qualità. Consigliatissimo il menu degustazione

Cucina: 7,5. Ambiente: 7. Servizio 7. Prezzi: medi

Le altre guide: Roma nel Piatto: 7+; Mangelo 7 . Oscar Qualità-Prezzo Gambero Rosso 2008 e 2009

4 commenti:

  1. Mi permetto di dissentire sul servizio. Qualche settimana fa ho cenato (bene, ma in maniera non eccezionale) con mio marito ed una coppia di amici, ordinando due bottiglie di acqua minerale (una naturale ed una no) ed una di vino. A fine cena (mentre eravamo in attesa del conto) ho avuto la malaugurata idea di versarmi nel bicchiere il fondo (3 cm) di acqua della minerale naturale: con sgomento ho scoperto che nel bicchiere erano caduti anche dei filamenti verdi, molto probabilmente una muffa depositata sul fondo della bottiglia, in vetro, che con il caldo si erano staccati. Sul fondo della bottiglia era rimasta una bella macchia verde! Ho chiamato, senza fare scenate, il cameriere che ha pensato bene di rispondermi che l'acqua non l'aveva mica fatta lui!!! Grazie tante. Ha portato via bottiglia e bicchiere, prima che potessimo chiamare i NAS, e poi dopo una decina di minuti è arrivata un'altra cameriera che ci ha portato una bottiglia di acqua... ma nessun bicchiere. Morale: la bottiglia non l'abbiamo neanche aperta, e alle 3 zucche non mi rivedranno più....

    RispondiElimina
  2. Non mi è dispiaciuto però ho notato qualche inciampo soprattutto nel servizio

    RispondiElimina
  3. Ci sono stato ieri. Carino l'ambiente, ho preso involtini di fillo-pasta con radicchio guanciale e gorgonzola, ottimi direi, tagliata con radicchio e mini tiramisu (servito in una tazzina da caffé). Nel complesso un posto più che soddisfacente, discreta carta dei vini (shiraz laziale a 14 euro) ottima scelta di grappe e liquori, l'unico appunto a voler essere pignoli é la lentezza del servizio per chi ordina il menu degustazione, cosa che fa scendere il mio giudizio da 7 a 7 meno.

    RispondiElimina