mercoledì 15 aprile 2009

Da Danilo

Puntarella d'oro 2009!






















UPDATE gennaio 2010
via Petrarca 13 (Merulana-piazza Vittorio). 06-77200111. Chiuso domenica. Sito ufficiale (brutto): http://www.trattoriadadanilo.it/

La mappa
La carbonara? Da paura. Non a caso da Danilo è stato incoronato lo scorso anno come migliore trattoria d'Italia da Paolo Massobrio. Allo stesso livello della carbonara, o quasi, c'è la cacio e pepe, mantecata al tavolo dentro un enorme cacio. Il piatto più originale sono invece gli straordinari strozzapreti al lardo di Colonnata con pecorino di fossa. Ottimo l'antipasto misto (mortazza, fritti, ricottina, pancetta, polpette al sugo etc) "Faccio io". Il dolce Gasperino può essere causa di decesso (sia pure di dolcissima morte): una coppa di ricotta di bufala, scaglie di cioccolato, passito di Pantelleria, crema pasticcera, pinoli e sfoglia.
La cucina è tradizionale ma rielaborata, l'ambiente casalingo ma non scaciato. Alle pareti la solita galleria di foto di clienti celebri. Tra gli altri si riconoscono Fabrizio Bentivoglio, Valeria Rossi (Sole, Cuore e Amore!) e un'onnipresente Carol Alt (Carol Alt!). Tutto in famiglia: c'è il proprietario Danilo Valente, che accoglie ai tavoli insieme alla moglie, mentre in cucina sovrintende la mamma. Il tutto a prezzi più che onesti, considerata la qualità. Da segnalare, purtroppo, ma questo rientra nella pessima tradizione romana, un'accoglienza che non sempre brilla sempre per simpatia, una certa fretta nel mandarti via quando si fa un po' tardi e un servizio un po' lento.
Bonus: la carbonara, le materie prime, l'atmosfera.
Malus: il servizio un po' ingrugnito e rigido, il piano di sotto meno bello
Cucina: 8,5
Ambiente: 7
Servizio 5
Prezzi:
medi

Le altre guide
: Gambero Rosso: un gambero. Roma nel Piatto: 6,5

13 commenti:

  1. Ristorante magnifico, che per la qualità che offre ha prezzi davvero buoni :-). Piccolo appunto solo su alcuni primi (come gli strozzapreti di cui nella recensione) che potrebbero essere un pochino più abbondanti.
    Fra i secondi consigliatissimo il filetto ripieno di patate e porcini.
    Ai dettagli aggiungerei che il lunedì non è prenotabile prima delle 20.00.

    Vincenzo

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Sono andato più volte. Nel tempo la quantità delle porzioni è diminuita e la scortesia dei proprietari è aumentata. Non tutti sono in grado di gestire il successo! Per 1 limoncello chiesto dopo aver pagato il conto, mi hanno fatto pagare 3 €. Datemi almeno la ricevuta fiscale!! Un vero peccato perché la qualità del cibo è ottima.

    Walter

    RispondiElimina
  4. Sono andato ieri sera per la prima volta e l'impressione è stata ottima. Buona lista delle dei vini e delle birre con ricarichi ragionevoli. Questo per me è il primo indice di serietà che verifico quando vado in un ristorante.
    Il rapporto complessivo qualità/prezzo è sicuramente buono.
    Tornerò sicuramente per approfondire meglio il menu.
    Ermanno

    RispondiElimina
  5. Cucine e ambiente discreti a fronte di porzioni ridicole in quanto a dimensioni.
    Rapporto qualità/quantità/prezzo assolutamente inesistente.
    Da evitare

    RispondiElimina
  6. ciascuno ha la sua scala di valori per decidere se tornare volentieri in un posto. questa dipende senz'altro dalla qualità di cibo e servizio, ma forse anche dal sapere che si va ad ingrassare il portafoglio di un evasore fiscale!! vedo che non sono il primo a notare la cosa. due sere fa siamo stati a cena in 6 e abbiamo speso 190 euro. Il rapporto qualità prezzo va valutato a parità di condizioni, se questo prezzo è esentasse, non è poi così basso. E in ogni caso disturba l'usanza, per così dire...
    Purtroppo la carbonara è veramente da non perdere. Il baccalà invece piuttosto insapore sia come antipasto che come secondo piatto con la bieta.
    6 amici

    RispondiElimina
  7. per concludere aggiungerei tra i malus: non usa rilasciare la ricevuta fiscale!

    RispondiElimina
  8. Credo che il blog dovrebbe ridimensionare notevolmente questo ristorante, altrimenti rischia di perdere credibilità nel suo complesso. Infatti va rilevato che fin dall'ingresso si respira un'atmosfera che a Roma si descrive con l'espressione "se la tirano". La pubblicità fatta da Masobrio nel suo Golosario e quella di passa parola come Puntarella Rossa evidentemente funziona e il locale è pieno. Ciò ha abbassato notevolmente la cura del cliente che viene trattato abbastanza male, anche se ci sono un paio di camerieri gentili. Uno in particolare che vine dal ristorante Fortunato al Pantheon ha riscattato il livello da trattoria dozzinale dell'accoglienza. Passando al menù la carbonara è buona, anche gli strozzapresti ma niente che possa far gridare al miracolo. nella media di decine di ristoranti romani. La cacio e pepe è servita con una brodaglia .... La tagliata di manzo è dura, metre il baccalà era buono. Insomma un ristorante medio, con un servizio sotto la media e con prezzi non carissimi, ma anche questi nella media. Se Danilo non si rende conto che il cliente va curato giorno per giorno, anche se Puntarella Rossa non ne registra la debacle, ci penseranno i clienti a respingerlo in basso. Buon lavoro. P.S. Naturalmente viene servita una finto-ricevuta quindi i 50 € a persona -se si decidessero a pagare le tasse- salirebbero al punto da far diventare la trattoria piuttosto cara e non rientrerebbe più nella categoria dei ristoranti dal buon rapporto qualità-prezzo che Puntarella giustamente consigli: non foss'altro che per questo io lo metterei in fondo classifica.

    RispondiElimina
  9. Esperienza sabato 13 da Danilo, ristorante da voi insignito della Puntarella d’oro e meritevole nemmeno di quella di legno. Cucina appena discreta, accoglienza glaciale, servizio inqualificabile. Esordio: “Il menu lo dico a voce perché oggi è ridotto, domani è giorno di chiusura”. Affermazione che sfugge a ogni logica. Ordiniamo dei primi e poi ci riserviamo di ordinare come secondi degli antipasti. Risposta: “No, non è ammesso. Gli antipasti possono essere consumati solo come antipasti”. Mai sentito niente di simile. Siamo in quattro e due ordinano un bicchiere di vino rosso. Si presentano con una bottiglia che chiamano Barolo e ne versano due centimetri (a 5 euro). Ciliegina finale: nessuna ricevuta fiscale. Squalificante anche per il vostro blog.
    4 amici

    RispondiElimina
  10. gli ultimi due giudizi paiono eccessivamente severi, ma c'è del vero e lo abbiamo provato di persona. per questo danilo, che pure aveva già un bel 5 nel servizio, perde voti e posizioni. grazie per le segnalazioni

    RispondiElimina
  11. Siamo andati in quattro, serata di inizio novembre, fiduciosi per LA CARBONARA. Primo la carbonara era fatta con la pancetta "bacon" all'americana, dispers! e l'uovo che sembrava quello pastorizzato (che si vende nei cartoni del latte). Inoltre la quantità ridotta di pasta e la presentazione stile nido non si addicono ad un piatto rustico che dovrebbe toglierti la fame. PROPRIO FUORI TEMA! Tuttavia chi di noi non ha preso la carbonara si è visto portare primi molto buoni ma sempre in porzioni "minimal chic". ma di che stiamo parlando?
    Il servizio non era male. Lo classificherei romanesco per turisti!

    RispondiElimina
  12. Concordo, purtroppo, con l'idea che si siano montati la testa.
    Siamo andati il 30 dicembre, eravamo 6, di cui 4 non romani. Questo ci ha probabilmente qualificato nella categoria "turisti". Ci danno un solo menù e il cameriere esordisce con: "però non ordinate cose diverse sennò magnate tra un'ora e mezza!". Cmq carbonara buona, cacio e pepe pure (ma non mantecata al tavolo nel cacio), strozzapreti al lardo di colonnata con troppo sugo che copriva il resto. Porzioni degli contorni ridicole, dolci normali per roma (nulla di che).
    A parità di prezzo, vince immancabilmente Felice a Testaccio.

    RispondiElimina
  13. DELUDENTE. L'impressione è che siccome da Danilo vanno i "vip", a lui della gente comune non importa molto. Non ci ha portato il menù e dunque i prezzi sono stati oscuri fino alla fine, colpa nostra che non l'abbiamo chiesto. Lui che sorride solo nelle foto con i personaggi famosi attaccate alle pareti, con noi era frettoloso e per niente simpatico. Abbiamo mangiato bene, tuttavia la coda alla vaccinara del mio compagno non era eccezionale. L'impressione generale in conclusione è stata negativa. Al momento del conto - non poco, 50 euro a testa - nessuno ha accennato a riportarci il resto di 2 euro, meno che mai la ricevuta fiscale. Ce ne siamo andati e nessuno di noi ci tornerà.

    RispondiElimina